Navi mercantili sotto attacco nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden – L’opinione di Peter Sand, capo analista di Xeneta


Un’escalation di attacchi missilistici e droni da parte della milizia Houthi contro le navi mercantili che attraversano il Mar Rosso e il Golfo di Aden ha sollevato preoccupazioni per la sicurezza e la catena di approvvigionamento in tutto il settore del trasporto marittimo. Giovedì è stato riferito che un missile è stato sparato contro la nave “Maersk Gibraltar” mentre era in rotta da Salalah (Oman) a Jeddah (Arabia Saudita). Il missile non ha colpito la nave ma ciò fa seguito a una serie di attacchi, tra cui attacchi missilistici contro una nave battente bandiera norvegese nello stretto di Bab el-Mandeb e una nave portacontainer che opera tra l’Asia e il Mediterraneo.
Martedì, una nave gestita dalla compagnia di navigazione Ardmore è stata attaccata nel Mar Rosso.

Peter Sand, Chief Analyst di Xeneta, la principale piattaforma globale di benchmarking delle tariffe di trasporto marittimo e aereo e di analisi di mercato, ha preso parte a una sessione di domande e risposte sul potenziale impatto di questi attacchi.

Gli attentati porteranno alla chiusura del Canale di Suez?
“In questa fase, è altamente improbabile che il Canale di Suez si chiuda ma se ci saranno ulteriori escalation significative, non possiamo escluderlo completamente, anche se solo per pochi giorni. Mentre credo che la maggior parte delle navi continuerà a transitare nel Canale di Suez, stiamo già assistendo a segnalazioni di operatori e proprietari di navi marittime che scelgono di deviare le navi lontano dalla regione in seguito agli attacchi. L’importanza del Canale di Suez per le catene di approvvigionamento globali significa che anche una piccola interruzione può avere grandi conseguenze”.

Quanto è grave la minaccia per le navi nella regione?
“Abbiamo assistito alla pirateria nel Golfo di Aden per molti, molti anni. Dieci anni fa questa regione era dilagante con la pirateria ed era considerata un’area ad alto rischio in termini di assicurazione marittima. Alla fine del 2022, la situazione sembrava essersi calmata e la classificazione di ‘alto rischio’ è stata rimossa. Purtroppo, il rischio è aumentato in modo significativo negli ultimi mesi con numerosi attacchi missilistici da parte della milizia Houthi. Qualsiasi nave che transita nel Canale di Suez deve anche navigare attraverso il Mar Rosso e il Golfo di Aden e la milizia Houthi ha dichiarato che qualsiasi nave è un obiettivo. Tuttavia, continuo a credere che la maggior parte delle navi continuerà a transitare nel Canale di Suez nonostante questa minaccia, proprio come facevano quando la pirateria era un rischio così elevato”.

Quali sono le alternative al Canale di Suez?
“Se le navi si allontanano dal Canale di Suez, ciò causerà disagi, soprattutto date le restrizioni in corso a causa della siccità nel Canale di Panama. L’unica vera alternativa al Canale di Suez è il giro del Capo di Buona Speranza, che aggiunge fino a 10 giorni di navigazione su un servizio dall’Asia al Nord Europa o al Mediterraneo orientale. Alcuni operatori del trasporto marittimo potrebbero ritenere che questa sia l’opzione migliore, dato il rischio per le loro navi e i loro equipaggi nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden”.

Quindi la merce potrebbe richiedere più tempo per arrivare, ma costerà di più?
“C’è sempre un impatto sui tassi di rischio in uno scenario come questo. Ogni volta che c’è incertezza, c’è la possibilità per vettori e spedizionieri di aumentare le tariffe. Ogni giorno transitano circa 50 navi nel Canale di Suez, di cui più di un quarto sono navi portacontainer. Dopo l’incidente della Ever Given nel 2021, abbiamo visto i tassi tra l’Estremo Oriente e il Nord Europa salire alle stelle. Non sto suggerendo nulla di questa portata, soprattutto perché è stato anche durante la pandemia. Ma mi aspetterei una sorta di reazione eccessiva, almeno nel breve termine, in cui i tassi saliranno su tutte le operazioni che utilizzano il Canale di Suez. Se si tratta di un aumento del 5, 10, 30% non lo sapremo fino a quando non vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi mesi. Potremmo anche vedere i tassi raddoppiare rispetto al livello odierno se la situazione continua a peggiorare”

Perché c’è tanta ansia nel settore per quanto riguarda il potenziale impatto di questi attacchi?
“Non dobbiamo ignorare il pericolo che questi attacchi rappresentano e il potenziale costo umano. Ma se guardo a questo dal punto di vista della catena di approvvigionamento globale, abbiamo visto nel 2021 durante l’incidente della Ever Given le gravi conseguenze di una chiusura del Canale di Suez. Le catene di approvvigionamento globali sono precipitate nel caos e ci sono voluti molti mesi per ripristinare l’ordine. L’industria del trasporto marittimo è stata profondamente segnata dalla Ever Given ed è francamente terrorizzata da qualsiasi situazione che minacci la chiusura del Canale di Suez”.

Questa è l’ultima cosa di cui gli spedizionieri hanno bisogno quando ci siamo appena ripresi dalla pandemia?
“Nell’Ocean Freight Outlook 2024 di Xeneta abbiamo sollevato il potenziale di eventi del ‘cigno nero’ come uno dei principali temi da tenere in considerazione nel prossimo anno. Naturalmente, nessuno può prevedere siccità o attacchi missilistici, ma la possibilità che incidenti come questo si verifichino non dovrebbe mai essere troppo lontana dai pensieri di chiunque sia coinvolto nel settore del trasporto marittimo di merci. I grandi incidenti globali e i disastri naturali possono, accadono e continueranno a verificarsi. Il modo migliore per essere pronti a quando si verificano è essere armati di dati e intelligence lungo l’intera catena di approvvigionamento. Solo così potrai prendere decisioni informate ed efficienti per proteggere la tua attività”.

Philip Hennessey per Xeneta

image_printStampa PDF