Crisi del Mar Rosso, limitazioni al Brennero: l’allarme di Conftrasporto: “Sulla logistica si rischia la tempesta perfetta”


“Si rischia un combinato disposto molto pericoloso per i porti, per le merci sia in import che in export – avverte Russo – Bisogna fare in fretta, affinché non si realizzi la tempesta perfetta per porti, merci e logistica italiana”. Il presidente di Conftrasporto-Confcommercio, Pasquale Russo, plaude all’iniziativa del Governo italiano contro le limitazioni imposte dall’Austria al transito dei Tir, e lancia l’allarme sull’economia per la concomitanza con la crisi del Mar Rosso.

“In caso contrario, le ripercussioni sul nostro sistema economico sarebbero pesantissime: basti pensare che, come rileva l’analisi di Confcommercio, tra i rischi delle tensioni nell’area del Mar Rosso c’è la compromissione della regolarità dei rifornimenti, oltre ai tempi di navigazione delle merci più lunghi, e costi di trasporto più alti”, spiega il presidente di Conftrasporto.

Secondo i dati, infatti, anche solo considerando il settore marittimo i tempi di navigazione nei traffici con l’estremo Oriente si sono già allungati di 10-12 giorni per via della circumnavigazione del Continente africano. I costi dei noli per un container di 40 piedi sulla rotta Shangai-Genova sono più che raddoppiati (+129%) rispetto al 2023. I transiti delle navi attraverso il canale di Suez, da cui passa circa il 40% del nostro interscambio commerciale marittimo (€154 MLD), si sono ridotti di oltre un terzo con forte penalizzazione sia per i porti nazionali, specialmente quelli nell’Adriatico, come Trieste e Venezia, maggiormente interessati da traffici internazionali che, in generale, per il sistema Italia.

image_printStampa PDF