Rinfuse secche: BIMCO, la transizione energetica frena la crescita della domanda


“La domanda di merci crescerà dello 0-1% nel 2024 e dello 0,5-1,5% nel 2025, con una riduzione di 0,5 punti percentuali sia per il 2024 che per il 2025 rispetto alla nostra previsione precedente a causa di prospettive più deboli per il carbone, mentre la produzione di elettricità rinnovabile accelera. Si prevede che le distanze di navigazione medie aumenteranno dello 0-1% nel 2024 e nel 2025. Dal 2024 prevediamo una diminuzione delle spedizioni di carbone, un bene con distanze di navigazione inferiori alla media. Al contrario, le spedizioni di minerale di ferro, bauxite e grano dal Sud America e dalla Guinea, che hanno distanze superiori alla media, potrebbero continuare ad aumentare”.

Questi i primi dati della panoramica del mercato delle spedizioni di rinfuse secche per il primo trimestre del 2024 realizzata da BIMCO. “Anche le interruzioni nel Canale di Panama e nel Mar Rosso potrebbero portare a distanze di navigazione più lunghe, soprattutto nella prima metà del 2024. Nel Canale di Panama, la prevista fine di El Niño potrebbe aiutare il livello dell’acqua a riprendersi nella seconda metà del 2024, la stagione più trafficata. metà per la spedizione di rinfuse secche. Nel Mar Rosso, con la previsione che solo il 4% delle merci alla rinfusa lo attraverserà, le tonnellate-miglia potrebbero aumentare fino al 5% se tutte le navi venissero dirottate intorno all’Africa. Nella prima metà di gennaio, il numero di navi portarinfuse in transito nel Canale di Suez è diminuito solo del 6% a/a: questa interruzione avrà solo un impatto minimo sulla domanda e che la situazione si risolverà a breve termine.

Come nelle ultime previsioni del Fondo monetario internazionale (FMI), la Banca Mondiale prevede che l’economia globale crescerà del 2,9% nel 2024 ma prevede che la crescita nel 2025 finirà al 3,1%, 0,1 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni del FMI. Nel 2024, gli elevati tassi di interesse derivanti dalle politiche monetarie restrittive in molte economie avanzate continueranno a incidere sulla crescita economica. Nel 2025, le condizioni economiche potrebbero migliorare con il calo dei tassi di interesse nelle economie avanzate. Esistono diversi rischi al ribasso per le prospettive economiche, che potrebbero portare a uno scenario di bassa domanda di merci. Un’escalation del conflitto in Medio Oriente rappresenterebbe un rischio significativo per le prospettive economiche globali, poiché porterebbe ad un’impennata dei prezzi dell’energia e a un’inflazione elevata, causando un ulteriore inasprimento della politica monetaria. Altri rischi includono lo stress finanziario derivante dagli alti tassi di interesse, una crescita più debole del previsto in Cina e la frammentazione del commercio. Si stima che la crescita economica della Cina rallenterà dal 5,2% nel 2023 al 4,5% nel 2024 e al 4,3% nel 2025. La debole fiducia dei consumatori e una continua flessione del settore immobiliare contribuirà a rallentare l’attività economica. Nonostante il significativo intervento del governo nel settore immobiliare, l’attività edilizia deve ancora aumentare. Inoltre, il debito pubblico cinese continua ad aumentare, il che potrebbe limitare le politiche di stimolo nel medio termine”.

Analisi completa su www.bimco.org/analysis

image_printStampa PDF