L’analisi – BIMCO, nel 2024 le esportazioni di grano dell’Argentina potrebbero aumentare del 70% per il clima favorevole


“L’Argentina è sulla buona strada per aumentare le esportazioni di cereali del 40% nel 2024, riprendendosi dalla siccità dello scorso anno che ha colpito i raccolti, ma ancora al di sotto della media del 2019-2022. I modelli climatici e le politiche del governo stanno modellando le prospettive”, ha dichiarato Filipe Gouveia, analista marittimo presso BIMCO.

El Niño ha portato condizioni meteorologiche migliori per i raccolti di grano dell’Argentina. Il raccolto del grano è quasi completo e si stima che sia maggiore del 20% rispetto a un anno fa. Nel frattempo, le condizioni favorevoli continuano a sostenere la crescita dei raccolti di mais e soia. Anche se le esportazioni dovrebbero aumentare a tutti i livelli, si prevede che il mais vedrà l’incremento maggiore. Si prevede un aumento del 71% delle esportazioni di mais, pari a ulteriori 17 milioni di tonnellate nel 2024.

Nel 2024, le esportazioni di grano dall’emisfero meridionale potrebbero aumentare del 5-6%, spinte dai grandi raccolti dell’Argentina. Ciò, abbinato alle distanze di navigazione superiori alla media per le spedizioni di grano argentino, sosterrebbe la domanda di navi nei segmenti panamax e supramax”, afferma Gouveia.

Sebbene El Niño sia stato favorevole per l’Argentina, ha portato a un raccolto di grano più debole in Australia e a condizioni contrastanti in Brasile, dove Ile previsioni per i raccolti di mais e soia sono state progressivamente riviste al ribasso. Tuttavia, se le condizioni non peggiorano ulteriormente, le esportazioni brasiliane di cereali dovrebbero rimanere stabili nel 2024 a causa delle elevate scorte di soia e mais. La National Oceanic and Atmospheric Administration stima che ci sia una probabilità del 60% che El Niño finisca tra aprile e giugno 2024. In condizioni neutre, le condizioni meteorologiche in Argentina sono meno favorevoli ai raccolti di grano. Pertanto, le rese potrebbero essere inferiori durante i raccolti del prossimo anno.

Il nuovo presidente argentino Javier Milei intende aumentare le tariffe di esportazione di mais e grano dal 12% al 15%. Ciò fa parte di una serie di misure di emergenza per l’economia argentina che saranno discusse durante il primo trimestre del 2024. Poiché la maggior parte del grano di quest’anno è già stato piantato, è improbabile che questa misura abbia un effetto significativo a breve termine sull’offerta.

Nel medio termine, tariffe più elevate potrebbero portare a minori esportazioni di cereali poiché gli agricoltori potrebbero destinare meno aree di semina a queste colture. Tuttavia, se approvata, molti si aspettano che questa misura sia temporanea e che Milei perseguirà politiche favorevoli alle esportazioni a lungo termine. A sua volta, ciò consentirebbe alle esportazioni di grano dell’Argentina di ritornare ai livelli visti nel periodo 2019-2022”, ha concluso Gouveia.

image_printStampa PDF