CdM, Rixi: “Prorogate misure a favore lavoratori portuali. Le authority potranno sostenere economicamente il lavoro penalizzato dai conflitti in Medio Oriente e Ucraina”


“In molti porti nazionali i conflitti in Ucraina e in Medio Oriente hanno comportato una flessione dei traffici con relativa diminuzione dei turni lavorati dalle imprese che forniscono la manodopera. Il Consiglio dei Ministri ha approvato due disposizioni importanti sul lavoro portuale.

Di fatto viene prolungata l’operatività dell’Agenzia per la somministrazione e la formazione del lavoro nei porti di transhipment di Gioia Tauro e Taranto e viene estesa alle Autorità portuali – anche per il 2024 – la possibilità di sostenere economicamente le imprese autorizzate a svolgere operazioni e servizi portuali, nonché i soggetti fornitori di lavoro temporaneo, negli scali nazionali. Un passo avanti a sostegno di un comparto fondamentale per mantenere efficienti flussi commerciali e contribuire alla crescita economica”.

Lo scrive in una nota il Viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi. Le misure ex articolo 199 riguardano per il 2024 il sostegno alle compagnie portuali che impiegano l’articolo 17 e abbiano totalizzato minori giornate di lavoro.

Photo Credits: Assoporti

image_printStampa PDF