Merlo, Federlogistica-Conftrasporto: “La crisi in Mar Rosso rischia di far risalire l’inflazione e rallentare la ripresa”


“Con la crescente instabilità del mondo, buona parte dei conflitti e delle crisi anche climatiche avranno protagonista, direttamente e indirettamente, il mare. Per questa ragione anche l’Italia deve dotarsi di strutture permanenti capaci di analizzare e prevedere i possibili scenari di crisi nelle diverse aree” ha dichiarato Luigi Merlo, presidente di Federlogistica-Conftrasporto.

“Ciò che sta accadendo, unitamente alle limitazioni al canale di Panama, condizionerà ogni programmazione produttiva e distributiva e avrà probabilmente effetti negativi sull’inflazione – spiega Merlo – Giusto quindi che la Marina Militare Italiana partecipi alla missione in Mar Rosso, ma occorre dotarsi di una organizzazione stabile e non episodica e probabilmente anche nel nostro Paese, come accade già in diverse nazioni, il rapporto tra Marina Mercantile e Marina Militare rispetto ai traffici internazionali dovrà essere più forte, tenuto conto anche dello sviluppo delle tecnologie subacquee. L’economia di un Paese marittimo portuale  basato sugli scambi commerciali come l’Italia è fortemente condizionata da ciò che succede in mare, e bisognerà tenerne conto”.

image_printStampa PDF