Maersk, CMA CGM, Hapag-Lloyd, MSC, Wallenius Wilhelmsen insieme per accelerare la decarbonizzazione del trasporto marittimo globale


Gli amministratori delegati (CEO) delle principali compagnie di navigazione globali hanno rilasciato una dichiarazione congiunta alla COP 28 chiedendo una data finale per le nuove costruzioni alimentate esclusivamente a combustibili fossili e sollecitando l’Organizzazione marittima internazionale (IMO), il regolatore globale, a creare le condizioni normative per accelerare la transizione verso i carburanti verdi.

Le temperature globali stanno superando i livelli critici, creando risultati più frequenti e devastanti. Pertanto, l’importanza che il trasporto marittimo raggiunga gli obiettivi di gas serra (GHG) dell’IMO per il 2030, 2040 e di zero emissioni nette per il 2050 è molto chiara. L’unico modo realistico per raggiungere questi obiettivi per un settore che rappresenta il 2-3% delle emissioni globali di gas serra è passare dai combustibili fossili a quelli verdi in modo rapido e su vasta scala.
Essere in prima linea nell’introduzione di navi a basse emissioni di gas serra (GHG) sottolinea l’impegno degli amministratori delegati nei confronti degli obiettivi di riduzione dei gas serra dell’IMO per il 2030, 2040 e 2050. In quanto pionieri, gli amministratori delegati sono convinti che una collaborazione ancora più stretta con i regolatori dell’IMO produrrà misure politiche efficaci e concrete necessarie per sostenere gli investimenti nel trasporto marittimo e nelle sue industrie ausiliarie che consentiranno alla decarbonizzazione di avvenire al ritmo richiesto.

La loro dichiarazione congiunta prevede la creazione di quattro “capisaldi” normativi:
Una data finale per la nuova costruzione di navi alimentate esclusivamente a combustibili fossili e una chiara tempistica relativa agli standard di intensità dei gas serra per ispirare fiducia negli investimenti, sia per le nuove navi che per le infrastrutture di approvvigionamento di carburante necessarie per accelerare la transizione energetica;

– Un efficace meccanismo di determinazione dei prezzi dei gas serra per rendere il carburante verde competitivo rispetto al carburante nero durante la fase di transizione in cui vengono utilizzati entrambi. Ciò può essere fatto distribuendo il premio per i combustibili verdi su tutti i combustibili fossili utilizzati. Con bassi volumi iniziali di carburanti verdi, eventuali effetti inflazionistici sono ridotti al minimo. Il meccanismo deve inoltre prevedere un crescente incentivo normativo per ottenere riduzioni più profonde delle emissioni. Inoltre, oltre a coprire la “tassa del saldo verde”, le entrate generate dal meccanismo dovrebbero andare a un fondo di ricerca e sviluppo e agli investimenti nei paesi in via di sviluppo per garantire una transizione giusta che non lasci indietro nessuno;
– Un’opzione di pooling delle navi per la conformità normativa sui gas serra in cui potrebbero contare le prestazioni di un gruppo di navi anziché solo quelle delle singole navi, garantendo che gli investimenti vengano effettuati laddove si ottiene la maggiore riduzione dei gas serra e accelerando così la decarbonizzazione della flotta globale;

– Una base normativa sui gas serra Well-to-Wake o del ciclo di vita per allineare le decisioni di investimento con gli interessi climatici e mitigare il rischio di asset non recuperabili.

Vincent Clerc, Amministratore delegato di A.P. Moller – Maersk
“A.P. Moller – Maersk vuole accelerare la transizione verde nel settore del trasporto marittimo e della logistica e un passo successivo cruciale è quello di introdurre condizioni normative che garantiscano la massima riduzione delle emissioni di gas serra per dollaro investito. Ciò include un efficiente meccanismo di fissazione dei prezzi per colmare il divario tra combustibili fossili e combustibili verdi e garantire che la scelta verde sia più facile da compiere per i nostri clienti e consumatori a livello globale. Lo slancio per il carburante verde sta crescendo e siamo lieti di vedere forti partnership in tutto il settore mentre continuiamo i nostri sforzi congiunti per garantire il successo della decarbonizzazione nel trasporto marittimo”, afferma Vincent Clerc, CEO di A.P. Moller – Maersk.

Rodolphe Saadé, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo CMA CGM
“Il cambiamento climatico è una preoccupazione generale, non una questione di concorrenza. Il Gruppo CMA CGM è estremamente lieto di unirsi a questa coalizione unica, che riunisce le principali compagnie di navigazione per sollecitare l’adozione degli obiettivi più alti della traiettoria dell’IMO. Ciò costituisce una pietra miliare ambiziosa per la decarbonizzazione del nostro settore. Collaborando con gli altri, ognuno di noi compie un nuovo passo nella transizione energetica, garantendo al tempo stesso condizioni di parità collettive e accesso a carburanti più ecologici per l’industria. Questo nuovo impegno è pienamente in linea con l’ambizione del Gruppo CMA CGM di essere Net Zero entro il 2050. Abbiamo già investito quasi 15 miliardi di dollari nella decarbonizzazione della nostra flotta, che ci consentirà di avere quasi 120 navi in ​​grado di essere alimentate da combustibili decarbonizzati da 2028. Pioniere del GNL come energia di transizione, il nostro Gruppo ha anche avviato numerose grandi partnership industriali per diversificare il nostro approvvigionamento con combustibili ancora più decarbonizzati. Nel 2023 il Gruppo CMA CGM ridurrà le proprie emissioni di CO2 di circa -1 milione di tonnellate. Accanto ai membri di questa coalizione e a tutti coloro che si uniranno a noi in seguito, il Gruppo CMA CGM persegue il suo percorso di decarbonizzazione e rinnova il suo impegno per un futuro condiviso e sostenibile”, afferma Rodolphe Saadé, Presidente e CEO del Gruppo CMA CGM.

Rolf Habben Jansen, amministratore delegato di Hapag-Lloyd
“La nostra responsabilità collettiva per un futuro sostenibile e pratiche pulite è fondamentale. Noi di Hapag-Lloyd riaffermiamo il nostro impegno a promuovere la decarbonizzazione dell’industria marittima e ci sforziamo di essere in prima linea nella transizione energetica. Riteniamo che un quadro normativo e obiettivi chiari siano fondamentali per accelerare l’introduzione di combustibili alternativi e ridurre la nostra impronta di carbonio. Questo impegno è in linea con l’obiettivo di Hapag-Lloyd di raggiungere una flotta a zero emissioni di carbonio entro il 2045 e riflette il costante impegno del nostro settore nei confronti della responsabilità ambientale”, afferma Rolf Habben Jansen, CEO di Hapag-Lloyd.

Soren Toft, amministratore delegato di MSC Mediterranean Shipping Company
“Lo shipping è in prima linea nell’innovazione tecnologica quando si parla di decarbonizzazione e in MSC la nostra strategia di rinnovamento della flotta comprende 100 navi dual-fuel. Siamo orgogliosi di far parte di questa collaborazione senza precedenti con i nostri colleghi ed è giusto che insieme seguiamo questo percorso verso lo zero netto che dobbiamo raggiungere entro il 2050. Il sostegno dei governi di tutto il mondo sarà un elemento essenziale per raggiungere il nostro obiettivo comune. obiettivo e tra questi sforzi vogliamo vedere la fine della consegna di navi che possono funzionare solo con combustibili fossili. MSC ha pienamente sostenuto e si è impegnata a raggiungere la decarbonizzazione netta entro il 2050, ma senza il pieno sostegno di altre parti interessate, in particolare dei fornitori di energia, sarà estremamente difficile raggiungere tali obiettivi: nessuno può farcela da solo. Oggi sembra che siamo un passo avanti in questo senso, ma una fornitura concreta di combustibili alternativi e prezzi dei gas serra riconosciuti a livello globale sono essenziali per raggiungere i nostri obiettivi”, afferma Soren Toft, CEO di MSC Mediterranean Shipping Company.

Lasse Kristoffersen, Presidente e Amministratore delegato di Wallenius Wilhelmsen
“Noi di Wallenius Wilhelmsen abbiamo deciso di dare forma al viaggio verso l’obiettivo zero emissioni e concentrare i nostri investimenti nel sostenere questa ambizione. I nostri clienti vogliono collaborare con noi durante il viaggio. Ora abbiamo bisogno di un quadro normativo globale che corrisponda a questa ambizione per guidare gli investimenti necessari su scala globale”. Lasse Kristoffersen, Presidente e CEO di Wallenius Wilhelmsen.

image_printStampa PDF