Maritime Just Transition Task Force, il nuovo progetto di formazione dei marittimi per un futuro decarbonizzato


Maritime Just Transition Task Force è il nuovo progetto di formazione che preparerà i marittimi per le navi a emissioni zero o prossime allo zero, aiutando l’industria marittima globale a decarbonizzarsi e garantendo una transizione giusta per i marittimi.

Una ricerca commissionata dalla Task Force marittima per una transizione corretta ha identificato che 800.000 marittimi potrebbero aver bisogno di una formazione aggiuntiva entro la metà degli anni ’30 per poter utilizzare navi alimentate con carburanti a emissioni zero o prossime allo zero.

“I marittimi sono al centro della giusta transizione necessaria nel settore dei trasporti marittimi e la formazione della forza lavoro attuale e futura è fondamentale per garantire che le competenze dei lavoratori siano in primo piano man mano che il settore evolve e si decarbonizza. Abbiamo ascoltato il messaggio forte e chiaro dai marittimi di tutto il mondo: sono pronti a guidare, sono pronti a definire le strutture di formazione per i carburanti a zero emissioni di carbonio del futuro” ha dichiarato Stephen Cotton, Segretario generale della Federazione internazionale dei lavoratori dei trasporti.
Preparare l’intero settore dei trasporti marittimi alla transizione verde è essenziale. La strategia IMO del 2023 sulla riduzione delle emissioni di gas serra delle navi stabilisce l’ambizione comune di raggiungere l’azzeramento delle emissioni nette di gas serra derivanti dal trasporto marittimo internazionale entro o intorno al 2050 (tenendo conto delle diverse circostanze nazionali); e l’impegno a garantire l’adozione di tecnologie, carburanti e/o fonti energetiche con emissioni di gas serra pari a zero o prossime allo zero affinché rappresentino almeno il 5%, puntando a raggiungere il 10% dell’energia utilizzata dal trasporto marittimo internazionale, entro il 2030.

Kitack Lim, segretario generale dell’Organizzazione marittima internazionale, ha aggiunto: “L’adozione da parte dell’IMO della Strategia 2023 sulla riduzione delle emissioni di gas serra derivanti dal trasporto marittimo dimostra il chiaro impegno degli Stati membri nella transizione del settore marittimo verso un futuro decarbonizzato. Per fare ciò dobbiamo garantire che nessuno venga lasciato indietro e dobbiamo impegnarci a formare la forza lavoro affinché sia ​​pronta. Questo progetto collaborativo contribuirà a garantire una transizione equa e di successo, sfruttando la forza collettiva della comunità marittima globale”. Garantire un ambiente di lavoro sicuro per i marittimi, nonché la gestione e il funzionamento efficaci delle tecnologie future sono al centro di questo progetto. La necessità di una formazione dedicata è stata identificata dall’IMO e dalle parti sociali. L’IMO sta rivedendo e rivedendo in modo completo il suo trattato chiave per la formazione dei marittimi, la Convenzione internazionale sugli standard di formazione, certificazione e tenuta della guardia per i marittimi (STCW), con il contributo dell’industria e dei sindacati dei marittimi.

“Il passaggio ad un futuro a basse emissioni richiederà nuovi posti di lavoro verdi e riqualificazione, e l’industria marittima globale non è diversa. Le future tecnologie dei combustibili alternativi, come l’idrogeno, l’ammoniaca e il metanolo, implicano la necessità vitale di migliorare le competenze di tutti i marittimi. Ecco perché il lavoro della task force marittima per una transizione giusta e il suo ultimo quadro di formazione sono essenziali per garantire che i marittimi abbiano la formazione e le competenze giuste per lavorare in un ambiente sicuro. Mette i marittimi e le comunità al centro della soluzione mentre l’industria lavora per raggiungere il suo obiettivo di emissioni nette zero per il trasporto marittimo entro il 2050” ha sottolineato Ruth Boumphrey, CEO della Lloyd’s Register Foundation.

Il progetto sarà gestito dall’IMO e dal Segretariato della Task Force per una transizione giusta marittima. Lloyd’s Register svilupperà il quadro di formazione per marittimi e ufficiali, nonché un manuale per istruttori per gli istituti di formazione marittima. La World Maritime University (WMU), un istituto globale di ricerca, istruzione e formazione dell’IMO con sede a Malmö, in Svezia, fornirà competenze accademiche. Un gran numero di organizzazioni sono coinvolte attraverso un gruppo di apprendimento tra pari del settore globale, che fornirà un’importante condivisione delle conoscenze. Una volta sviluppato, il quadro di formazione di base per i marittimi nella decarbonizzazione sarà prima testato in Asia attraverso un programma guidato da WMU, con il supporto del Centro di cooperazione per la tecnologia marittima dell’IMO (MTCC) Asia e di altri partner. Verranno sviluppati materiali formativi per tutti i marittimi e per gli ufficiali. L’obiettivo è quindi espandere i test del pacchetto a livello globale con tutti gli MTCC stabiliti e altre organizzazioni appropriate.

Guy Platten, segretario generale dell’International Chamber of Shipping, ha dichiarato: “Il 2030 è proprio dietro l’angolo e non possiamo accontentarci delle esigenze dei nostri marittimi e della formazione adeguata messa in atto per supportarli durante il nostro settore in transizione. Senza il nostro personale non avremmo alcuna industria, quindi i marittimi dovrebbero essere sempre in prima linea in ogni decisione. Mentre entriamo nella Fase II del programma di transizione marittima giusta, ora dobbiamo continuare tutti a lavorare insieme e sviluppare ulteriormente le forti relazioni formate nella Fase I per garantire che i nostri marittimi ricevano la formazione di cui hanno bisogno”. Questo pacchetto sarà a disposizione degli Stati membri dell’IMO, per un potenziale utilizzo da parte degli istituti di istruzione e formazione marittima (MET) per sviluppare i loro programmi, a seconda dei casi. Sarà inoltre sviluppato un programma di “formazione dei formatori” per assistere ulteriormente i MET.

“La decarbonizzazione del trasporto marittimo è essenziale per combattere la crisi climatica. La natura globale di questa transizione significa che nessuno è solo nell’affrontare questo problema e la task force per una transizione giusta marittima è impegnata a fornire risorse per supportare le parti interessate in questo viaggio” ha sottolineato Sturla Henriksen, Special Advisor Ocean del Global Compact delle Nazioni Unite.

La Task Force per una transizione giusta marittima è stata costituita alla COP 26 del 2021 dalla Camera internazionale del trasporto marittimo (ICS), dalla Federazione internazionale dei lavoratori dei trasporti (ITF), dal Global Compact delle Nazioni Unite, dall’IMO e dall’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO). Supportata principalmente dai finanziamenti della Lloyd’s Register Foundation, la task force ha lavorato per garantire che i marittimi siano posti al centro della risposta del trasporto marittimo all’emergenza climatica. La tempistica è quella di sviluppare i materiali formativi entro la metà del 2025. La genesi di questa iniziativa presso l’IMO risale a un progetto avviato nelle Filippine nel 2021 per migliorare la sicurezza e l’efficienza energetica della flotta di traghetti nazionali. La necessità di formare i marittimi è stata identificata come una delle azioni di follow-up. L’IMO ha sviluppato un progetto tematico per assistere le istituzioni di istruzione e formazione marittima (MET) in Asia, in particolare nei paesi fornitori di marittimi, per sviluppare una formazione specifica sull’efficienza energetica per i marittimi.

 Il Segretariato dell’IMO e la Task Force per una transizione giusta marittima hanno concordato di intraprendere questo progetto di partenariato per sviluppare un quadro di formazione di base per i marittimi nella decarbonizzazione, riconoscendo i vantaggi di lavorare insieme. L’obiettivo sarebbe quello di estenderlo a tutte le istituzioni MET nel mondo.

Questo progetto segna anche l’inizio di una seconda fase della Task Force per una transizione giusta marittima. La Fase 1 ha prodotto un rapporto condotto da DNV Seafarer training and skills for decarbonized shipping su come supportare al meglio la forza lavoro marittima nel passaggio a un settore del trasporto marittimo decarbonizzato, evidenziando la necessità di accelerare la formazione per i combustibili alternativi. Questo progetto aiuterà ad attuare le raccomandazioni avanzate nella relazione.

Dream bigger’ by Kendall Bernardo

Part of the ‘Still at Sea’ photographic archive

Credit: ITF Seafarers Trust

image_printStampa PDF