Nel 2023, il 41% dei professionisti portuali che hanno partecipato al lavoro di ESPO erano donne


Nel 2023, considerando insieme tutte le riunioni del consiglio di amministrazione e i comitati tecnici di ESPO, le donne hanno rappresentato il 41% dei professionisti portuali che hanno partecipato alle riunioni. Si tratta di un livello leggermente più alto rispetto alla quota di donne partecipanti nel 2022, che era del 38%. Da quando ESPO ha iniziato a monitorare l’equilibrio di genere nelle sue riunioni interne nel 2018, la percentuale di partecipanti donne è aumentata, anche durante l’ultimo anno.

Nel 2023 il Comitato Esecutivo, che è l’organo decisionale dell’organizzazione, ha registrato una presenza media di donne pari al 34%. Si tratta della stessa cifra del 2022. L’Assemblea Generale ha registrato un leggero aumento della partecipazione femminile nel 2023, con 37% partecipanti donne.

Uno sguardo più attento ai risultati dei diversi comitati tecnici rivela che diversi comitati ESPO hanno visto un aumento della percentuale di donne presenti alle riunioni nel 2023 rispetto all’anno precedente.

Il livello di partecipazione femminile è il più alto nel Comitato per lo sviluppo sostenibile, dove nel 2023 6 partecipanti su 10 erano donne (61%). L’anno scorso, più della metà dei partecipanti al Cruise and Ferry Port Network di ESPO (54%) erano donne. Nel 2023 il Comitato per l’analisi economica e le statistiche ha registrato una partecipazione femminile del 40%, in aumento rispetto al 2022 (30%). L’anno scorso, più di un terzo dei partecipanti (38%) ai comitati per la facilitazione del commercio, le dogane e la sicurezza e gli affari marittimi erano donne. Con questo punteggio il comitato raddoppia la propria partecipazione femminile – nel 2022 solo il 19% erano donne – e la porta al livello degli altri comitati.

Nel 2023 il Comitato per la Crescita Blu e l’Energia ha perso il suo equilibrio di genere. Questo comitato ha ottenuto risultati migliori nel 2022, con il 51% dei partecipanti alle riunioni donne. Tuttavia, con una partecipazione femminile del 41%, il risultato è ancora abbastanza buono. Inoltre, il Comitato per la governance e la gestione ha ottenuto un punteggio leggermente inferiore nel 2023, con una rappresentanza femminile del 33%. Il Comitato Intermodale, Logistica e Industria ha registrato una diminuzione della partecipazione femminile dal 37% nel 2022 al 32% nel 2023.

Guardando al segretariato dell’ESPO, dal 2023, 7 persone su 9 che lavorano alla European Port House sono donne. Dal 2013 anche la segreteria è guidata da una donna, Isabelle Ryckbost. Dei nove comitati e reti tecnici di ESPO, tre sono attualmente presieduti da donne.

I porti in Europa sono attualmente molto attivi come partner nella transizione energetica e verde dell’Europa. È interessante notare che le commissioni che si occupano di queste importanti questioni ottengono ottimi risultati per quanto riguarda la partecipazione femminile. È anche importante notare che la percentuale di donne che partecipano all’Assemblea Generale e alle riunioni del Consiglio di ESPO rimane stabile, se non in leggero aumento”. afferma il presidente di ESPO Zeno D’Agostino.

Dal 2018, ESPO monitora l’equilibrio di genere attraverso la partecipazione effettiva dei professionisti portuali ai diversi incontri dell’organizzazione. I risultati di questo monitoraggio vengono pubblicati ogni anno in occasione della Giornata internazionale della donna. ESPO è anche uno dei membri fondatori dell’iniziativa della Commissione Europea “Donne nei trasporti – Piattaforma UE per il cambiamento”, lanciata nel 2017.

image_printStampa PDF