Terna: ultima tranche del finanziamento per il Tyrrhenian Link, che collegherà Sicilia con Sardegna e la penisola italiana con un doppio cavo sottomarino di 970 km


La Banca europea per gli investimenti (BEI) e Terna hanno firmato il contratto relativo all’ultima tranche del finanziamento da 1,9 miliardi di euro per il Tyrrhenian Link, che collegherà la Sicilia con la Sardegna e la penisola italiana attraverso un doppio cavo sottomarino di 970 chilometri di lunghezza e 1.000 MW di potenza, per favorire lo sviluppo delle fonti rinnovabili, l’affidabilità della rete e a promuovere la sicurezza energetica. Il Tyrrhenian Link sarà a regime nella sua interezza nel 2028 e saranno coinvolte 250 imprese nella sua realizzazione, con importanti ricadute per i territori coinvolti.

Il Tyrrhenian Link garantirà la trasmissione di energia elettrica tra l’Italia continentale e le due isole di Sicilia e Sardegna, attraverso una maggiore stabilità del sistema elettrico delle due isole e consentirà un’integrazione più flessibile delle fonti energetiche rinnovabili, necessaria per raggiungere l’obiettivo di progressiva dismissione delle centrali a carbone secondo gli obiettivi stabiliti dal Piano Nazionale Integrato per l’Energia e l’Energia Piano Climatico (PNIEC) che prevede, nel 2030, che le rinnovabili copriranno più della metà del consumo lordo di elettricità (55,4%) con la completa eliminazione del carbone entro il 2025 che rappresenta 8 GW di capacità di generazione ridotta, di cui 1 GW localizzato in Sardegna.

Questa ultima tranche da 500 milioni di euro si aggiunge ai precedenti contratti di finanziamento sottoscritti l’8 novembre 2022 (prima tranche, per 500 milioni di euro) e il 30 marzo 2023 (seconda e terza tranche, per complessivi 900 milioni di euro), è destinata a supportare la costruzione e messa in esercizio del “Ramo Est” e del “Ramo Ovest” del Tyrrhenian Link. Per questa infrastruttura, fondamentale per la sicurezza del sistema elettrico italiano, Terna prevede un investimento complessivo di circa 3,7 miliardi di euro, di cui circa il 50% finanziato dalla BEI, a dimostrazione della strategicità del progetto.


IL PROGETTO – Il progetto complessivo prevede due tratte: quella EST dalla Sicilia alla penisola e la OVEST dalla Sicilia alla Sardegna.
La tratta EST è lunga circa 490 chilometri, unisce l’approdo di Fiumetorto nel comune di Termini Imerese, in Sicilia, all’approdo di Torre Tuscia Magazzeno a Battipaglia, in Campania.
La tratta OVEST è lunga circa 480 chilometri, e collega l’approdo di Fiumetorto a quello di Terra Mala, in Sardegna.

Aggiornamenti sul progetto: www.terna.it/it/progetti-territorio/progetti-incontri-territorio/Tyrrhenian-link

ZOOM – Il Gruppo Terna

Il Gruppo Terna è uno dei principali operatori europei e mondiali per la trasmissione dell’energia elettrica. Gestisce la rete di trasmissione nazionale in alta tensione con circa 75.000 km di linee e oltre 900 stazioni elettriche su tutto il territorio italiano. La sua missione è garantire, 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, il funzionamento in sicurezza, qualità ed efficienza del sistema elettrico nazionale e l’accesso a parità di condizioni a tutti gli operatori di mercato. Realtà d’eccellenza formata da oltre 5.700 professionisti, Terna svolge un ruolo guida nella transizione energetica verso la completa decarbonizzazione e la piena integrazione in rete dell’energia prodotta da fonti rinnovabili. Per maggiori informazioni www.terna.it

image_printStampa PDF