L’analisi – Il riciclaggio delle navi cisterna scende dell’82% su base annua, al livello più basso mai registrato


“Nel 2023, sono state riciclate solo sette navi cisterna con una capacità combinata di tonnellate lorde (DWT) di 265.000. Si tratta di un calo su base annua dell’82% rispetto a 1,5 milioni di DWT (27 navi cisterna) riciclate nel 2022. È stato anche il livello di riciclaggio più basso osservato da quando sono iniziate le registrazioni nel 1996”, ha dichiarato Niels Rasmussen, Chief Shipping Analyst presso BIMCO (The Baltic and International Maritime Council).

I forti guadagni e i valori di seconda mano, nonché una riduzione delle consegne di nuove costruzioni, hanno probabilmente contribuito al livello molto basso di riciclaggio. Clarksons Research stima che i guadagni medi annuali per nave siano diminuiti del 15% nel 2023, ma siano ancora al terzo livello più alto dalla crisi finanziaria del 2008. Allo stesso tempo, i prezzi delle navi di seconda mano sono aumentati del 17% ai livelli più alti dal 2008.

Il 2023 ha visto anche il livello più basso di consegne di nuove costruzioni in più di 20 anni e, nonostante l’attività di riciclaggio a livelli record, la flotta è cresciuta solo del 2,1% su base annua. “A causa della bassa attività di riciclaggio e delle consegne di nuove costruzioni, l’età media delle navi cisterna è aumentata di nove mesi nel 2023, raggiungendo il livello più alto dal 2005”, afferma Rasmussen. Di conseguenza, il 12% e il 39% delle navi della flotta di navi cisterna hanno rispettivamente più di 20 e 15 anni, pari al 9% e al 35% della capacità lorda della flotta.

Nel 2023 sono stati intanto compiuti i primi passi significativi per il rinnovamento della flotta. Il contratto di nuove navi è salito al livello più alto degli ultimi 10 anni e il volume degli ordini è più che raddoppiato, lasciando il rapporto tra portafoglio ordini e flotta al 12%. Come negli anni passati, le navi cisterna MR e LR2 hanno dominato i contratti, e i due segmenti contribuiscono rispettivamente per il 33% e il 56% della capacità DWT del portafoglio ordini. La maggior parte dei contratti sono stati ancora una volta stipulati con i cantieri cinesi che ora controllano il 70% della capacità morta nel portafoglio ordini.

Tuttavia, le consegne aumenteranno solo nel 2025, quando è prevista la consegna di una capacità di 10 milioni di DWT. La consegna di altri 7 milioni dei 23 milioni di DWT del portafoglio ordini è prevista per il 2026. È quindi probabile che anche il riciclaggio inizi ad aumentare nel 2025.

image_printStampa PDF