IMO, il Segretario Generale Kitack LIM: “Condanno gli attacchi contro il trasporto marittimo internazionale nel Mar Rosso”


“Condanno gli attacchi contro il trasporto marittimo internazionale nell’area del Mar Rosso e ribadisco il forte impegno dell’IMO a proteggere i marittimi, le navi e i carichi, che è della massima importanza per garantire la sicurezza e la protezione delle catene di approvvigionamento globali. Gli attacchi contro il trasporto marittimo internazionale nella regione del Mar Rosso non sono accettabili. Le navi devono essere autorizzate a commerciare in tutto il mondo senza ostacoli, in conformità con il diritto marittimo internazionale” ha dichiarato il Segretario Generale dell’IMO, Kitack LIM, che sta monitorando da vicino gli sviluppi e comunicando con le parti interessate, tra cui l’industria marittima, gli Stati membri dell’IMO e i partner delle Nazioni Unite.

“Il reindirizzamento del trasporto marittimo commerciale da parte di diverse società che operano a livello globale è una risposta diretta all’attuale minaccia. Queste misure mirano a proteggere i marittimi dai danni e a ridurre al minimo il potenziale impatto economico sul commercio mondiale, che dipende fortemente dal trasporto marittimo. Ancora una volta, invito gli Stati membri a collaborare per garantire una navigazione globale sicura e senza ostacoli e il benessere di marittimi innocenti in tutto il mondo. Questo è un prerequisito per mantenere le catene di approvvigionamento mondiali ed è in linea con il quadro del Codice di condotta di Gibuti”.

Dopo MSC, anche gli altri colossi della navigazione mondiale hanno deciso di lasciare Suez per circumnavigare l’Africa: Cosco, Oocl, Evergreen, Bp, il francese Cma Cgm, il danese Maersk, il tedesco Hapag-Lloyd e MSC – Mediterranean Shipping Co, la più grande compagnia di navigazione del mondo.

image_printStampa PDF