Il sacrificio della vita di bordo. A dare la forza sono loro, le Donne dei Marittimi


La carriera marittima è una delle più prestigiose al mondo ma ha un prezzo chiamato “sacrificio”.

Quei gradi sulla schiena costano tanto e coinvolgono tutti coloro che fanno parte della nostra cerchia.

Noi Ufficiali siamo degli uomini con un animo duro, perché ci siamo dentro, la notte soffriamo in silenzio, in cabina con il sottofondo del rumore della nave come compagnia, soffriamo la nostalgia di casa ma non possiamo nemmeno permetterci uno sfogo o una lacrima, perché a bordo bisogna stare concentrati sui compiti assegnati, perché non bisogna mostrare emozioni per non condizionare l’equipaggio e soprattutto perché se crolliamo è finita.

Ma dietro le quinte c’è sempre una donna che soffre, anzi 2 , perché c’è anche la mamma ma la mamma è la mamma, e lo fa per natura e quell’amore è infinito a prescindere.
Ma c’è ne un’altra che lo fa per scelta, e quella donna si chiama compagna.

Non dimentico il momento dell’ultimo saluto, che ad ogni imbarco è sempre uguale, sempre frustrante, le lacrime scendono a dirotto, ti passa per la testa di mollare tutto ma il Dovere chiama, l’aereo decolla ed il tempo di piangere e già ti lasci tutto alle spalle.

Le nostre compagne soffrono dietro le quinte ci supportano e fanno finta che è tutto apposto ma si sa, la notte stringono il cuscino, le nostre felpe per sentirne l’odore soffrendo il vuoto che gli lasciamo, si alzano ogni giorno facendo il conto alla rovescia, ascoltando le nostre canzoni, guardando le foto dei mesi appena vissuti insieme, ascoltando le conversazioni delle altre coppie che vanno al cinema, che vivono Uniti i sabati sera.

Le nostre compagne ascoltano in silenzio ma loro non possono permetterselo per un po’.
Queste donne sono rare, perché hanno una LEALTÀ unica, perché come ho detto prima, non sono obbligate a scegliere la vita da compagne di un Ufficiale ma lo fanno per scelta, per Amore e sono loro le vere EROINE.

Ed è per loro che bisogna dare il massimo ogni giorno, rispettandole sempre e ovunque.
Ma tutto questo sacrificio un giorno ripagherà, darà ai nostri figli un avvenire, darà alla nostra relazione una vita di viaggi intorno al mondo, non la solita routine e soprattutto darà ai nostri figli un avvenire ed un esempio di disciplina, di devozione al lavoro e alla nostra compagna/o.

In questo articolo ci tengo a sottolineare varie volte una parola: “LEALTÀ” assoluta e rispetto a tutte le donne dei marittimi.

Ma soprattutto lealtà e amore eterno alla mia donna,

Teresa Forte, che è la vera eroina
Ti amo Teresa

Allievo ufficiale
Serva Giovanni Carmine

Nave Wedellsborg 14/10/2024

image_printStampa PDF