Marittimi e Mindset, “Stiff upper lip”


“Stiff upper lip”, Labbro superiore rigido.

Termine usato per descrivere una persona che mostra forza d’animo e stoicismo di fronte alle avversità ed esercita un grande autocontrollo nell’esprimere le proprie emozioni.
La carriera marittima regala tante soddisfazioni, la divisa bianca fa crescere l’ego e l’autostima, il mare ci costringe a diventare uomini, ad uscire dalla comfort zone e ad affrontare i problemi senza il supporto della famiglia, degli amici di sempre o della fidanzata, diventiamo duri, talmente duri da non temere più nulla, chi affronta gli oceani difficilmente teme qualcosa, ma ai primi imbarchi tutto è nuovo e ci sono anche altri fattori da dover affrontare.

Inevitabilmente bisognerà affrontare momenti di pressione, di stress.

Il momento più duro per un allievo avviene nei giorni successivi alla prima chiamata e durante l’attesa dei giorni, antestanti l’imbarco.

I cambiamenti grandi possono turbare consciamente e inconsciamente, i dubbi salgono, la paura di mollare ancora prima d’iniziare diventa assillante dal momento che si mette piede sull’aereo fino alla fine del primo imbarco;

La pressione si fa sentire, si ha il timore di deludere sè stessi e la famiglia, di non essere all’ altezza quando il Comandante assegna i primi compiti, di non reggere la nostalgia di casa. I primi giorni su una plancia di comando sono un mix di emozioni, tutto è fantastico, si ci sente in paradiso, il proprio obiettivo è stato raggiunto e non si vede l’ora di dimostrare a tutti il proprio valore, ma essendo in una nuova dimensione, allo stesso tempo si ci sente un po’ spaesati.

Tutte sensazioni normali che fanno parte dell’ter, quindi “Stiff upper lip”. Lo stress ha un gemello, si chiama eustress, ed è quello positivo, quello che si fa sentire quando si vogliono raggiungere grandi obiettivi.

In poche parole è la spinta, l’adrenalina, la motivazione che ci spinge a raggiungere un obiettivo.
Lo stress quindi non è negativo, bisogna trasformarlo in energia da utilizzare a nostro favore. In America gli ufficiali, proprio come gli atleti Nba vengono seguìti da mental coach, che s’occupano dell’andamento tecnico ma anche mentale di ogni singolo membro dell’equipaggio proprio perché sanno che, ai primi imbarchi, tutto è nuovo. In Italia non siamo entrati ancora in quest’ ottica ma bisogna farlo al più presto, perché qui si parla di una carriera di alto livello, dove la lucidità fa tutto, dove il benessere degli ufficiali e della crew fa la differenza.

Affrontare la pressione per noi deve diventare normalità, non bisogna temerla ma cercarla: la pressione ci deve dare quella spinta per migliorarci, quindi dobbiamo amarla.

Personalmente se sono sotto esame o affronto una nuova sfida per gestire i momenti di pressione, pratico la Mindfulness, già per carattere non mi fermo davanti a nulla ma la Mindfulness mi aiuta a restare nella zona nel momento presente.

Sono consapevole che tanti allievi non sanno che tutte queste sensazioni sono nella normalità e che non bisogna mollare al primo ostacolo, che siamo professionisti ma siamo anche essere umani con sensazioni, emozioni, timori, paure ma tranquilli, in questo caso “Stiff upper lip”.

Un buon mental coach messo a disposizione dalla compagnia farebbe la differenza perché per qualsiasi cosa un giovane ufficiale saprebbe dove confidare i propri dubbi.

Ma purtroppo non è così ma, cari cadetti, ricordate che tutti abbiamo affrontato i primi imbarchi, Ricordate che la mente è un muscolo e, come tutti i muscoli, più si allenano e più si abituano, è come quando si va in palestra e ci fanno male i bicipiti ma a furia di fare pesi si adattano, così è la mente, più si esce dalla comfort zone, più sfide si affrontano, più volte si cade e si ci rialza e più la mente sarà abituata alle grandi sfide, state tranquilli, ogni sensazione è normalità, voi continuate fino alla fine sempre e nei momenti di avversità già sapete, siamo Ufficiali
Quindi Stiff upper lip.

Allievo ufficiale di coperta
Serva Giovanni Carmine
3450372692
gvnnserva@gmail.com

image_printStampa PDF